Avis

Annuncio Pubblicitario

La nostra storia

 

                                                                                                                                 

                                                                                                          

 

 

CHI SIAMO

carissimo visitatore, prima di illustrarti la nostra associazione

vogliamo darti l'opportunità di conoscere la cittadina di Acquasparta

sia da un punto di vista storico che ambientale. Situata su un colle, Acquasparta è antico centro

 termale e di villeggiatura noto già in epoca romana.
Il nome deriva probabilmente dal latino "ad aquas partas", e testimonia il fatto che la località è ricca

di acque minerali, come quelle di Furapane e Amerino, usate a scopo terapeutico in attrezzati

centri termali.
Nel Medioevo fece parte delle Terre Arnolfe, poi fu tra i possedimenti dell'Abbazia di Farfa; in seguito appartenne alla Curia Vescovile di Todi, e infine alla famiglia Cesi.
Fu il luogo di nascita del Cardinale Matteo d'Acquasparta, che visse a Firenze nel '300 e venne

ricordato da Dante nel Purgatorio.
Nel 1609 il Principe Federico Cesi ricostituì in città, assieme ad altre personalità,

l'Accademia dei Lincei, fondata a Roma qualche anno prima.
Acquasparta conserva resti delle mura medievali con interessanti torri cilindriche, tuttavia il più

importante monumento della città è Palazzo Cesi: situato quasi al centro dell'abitato è una grandiosa costruzione del XVI secolo realizzata da Giovanni Domenico Bianchi. Ha la facciata incassata

tra due corpi sporgenti, e portale bugnato; un bel cortile a loggiato e splendide sale con soffitti

di legno intagliato. Il principe Federico vi ospitò nel 1624 Galileo.

                                                                                        

               

A fianco del palazzo una loggia in cui si conservano reperti romani.
Continuando il giro in città incontriamo due chiese piuttosto interessanti: quella di San Francesco, del 1290, che conserva un bell'altare antico su colonnine, un Crocifisso ligneo del '400, e resti del chiostro; e quella di Santa Cecilia, del '500, in cui, in un'elegante cappella, si trova la tomba di Federico Cesi. Acquasparta si trova quasi al centro dell'Umbria nella provincia di Terni sulla direttrice della E45, la natura che la circonda tipica della zona, offre spunti per rilassanti passeggiate e per passare dei meravigliosi week end.

La nostra associazione nasce invece, intorno alla metà degli anni sessanta sulla scia della comunale di Terni e dalla richiesta di vari donatori che già partecipavano attivamente all’interno di gruppi aziendali presenti nella provincia e soprattutto nella città di Terni.Dopo un lungo periodo di stasi e di disgregazione, intorno agli anni ’90 un gruppeto di donatori decise di riportare l’Avis ad Acquasparta e di fargli rivivere gli antichi splendori di un tempo.Anche chi vi scrive è stato l’artefice di questa avventura che stà proseguendo da ormai diverso tempo con degli ottimi risultati.La nostra attività istituzionale spazia un po’ come per tutte le avis comunali, dall’educazione nelle scuole alla partecipazione a manifestazioni locali con stand pubblicitari ed altro La nostra associazione fonda la sua attività principalmente sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato quale elemento centrale e strumento insostituibile di solidarietà umana, che non ammette alcuna discriminazione di sesso, razza, religione                                                                           

 Adotta e sviluppa  ogni iniziativa, a livello locale, al fine di promuovere,  coordinare e disciplinare il volontariato del sangue, ed in particolare:

svolge opera di stimolo della solidarietà attraverso il proselitismo e la propaganda a favore del dono del sangue e degli emocomponenti;

cura la chiamata dei donatori per l'effettuazione dei prelievi;

attua e persegue ogni impegno per diffondere una medicina preventiva verso i propri associati;

promuove e coordina, nel settore sociale, attività accessorie e complementari rispetto alla donazione ed alla raccolta del sangue. La Comunale è conscia che una società che voglia affrontare in modo avveduto le sfide del terzo millennio non può fare a meno dell'educazione, che costituisce un fondamentale processo di rigenerazione civile, e della scuola, che rappresenta la più capillare e incisiva struttura pubblica, al servizio dell'educazione, nella accezione più ampia e comprensiva del termine.L'AVIS di Acquasparta ha, da tempo, scelto di operare nel settore scuola per costruire, insieme ai ragazzi, un nuovo percorso per fare acquisire la cultura della solidarietà.Per svolgere efficacemente questa attività di promozione educativa, si deve operare con continuità, coordinazione e professionalità. E' chiaro che la Comunale ha piena coscienza dei suoi limiti di associazione solo complementare e di stimolo alle istituzioni pubbliche, alle quali spetta per legge il compito di educare alla salute e alla solidarietà. Ma nel contempo crede anche di essere legittimata ad offrire, nel settore, una collaborazione qualificata e, per vari aspetti, originale e insostituibile. Difatti nel corso di questi ultimi anni gli operatori del mondo della scuola unitamente all’Avis di Acquasparta hanno messo in atto una azione congiunta per programmare interventi informativi e formativi nei giovani delle scuole di ogni grado con manifestazioni che hanno riscosso grande successo. In breve sintesi la Comunale di Acquasparta è ripartita nel viaggio della solidarietà e del volontariato conscia che l’impegno dei suoi promotori e la costanza dei suoi donatori saranno sempre più incisivi e determinanti nel raggiungimento dei fini sociali.